mercoledì 11 marzo 2009

Valvole termostatiche

Non utilizzo molto il riscaldamento a termosifoni. Ho deciso però di installare in 6 caloriferi "strategici", lontani dalla stufa a pellets, delle valvole termostatiche per regolare, solo in quelle stanze e solo quando sono vissute, la giusta temperatura senza uno spreco eccessivo di calore.

Le valvole termostatiche regolano automaticamente l'afflusso di acqua calda in base alla temperatura impostata su una apposita manopola graduata. La valvola si chiude mano a mano che la temperatura ambiente, misurata da un sensore, si avvicina a quella desiderata, consentendo di "deviare"il restante flusso di acqua calda verso gli altri radiatori ancora aperti.

Ora i miei caloriferi non si possono lamentare: l'anno scorso con l'installazione dei pannelli termoriflettenti e quest'anno le valvole termostatiche.

Ho installato queste. Costo? 55 euro ciascuna compresa iva e installazione.

Qualcuno di voi le sta già utilizzando? Come vi trovate?

13 commenti:

markogts ha detto...

Ciao! Bel blog!

A proposito di valvole termostatiche, attenzione ad un possibile problema: se tutte chiudono, l'acqua deve avere uno sfogo: o un calorifero senza valvole o una cosiddetta valvola di sfioro. Attenzione alla cavitazione della pompa di ricircolo. Sul sito della caleffi ci sono parecchie info utili al riguardo.

sistrall ha detto...

Rischio di ripetere il commento di markogts, ma penso sia importante: se le valvole sono tutte chiuse, l'acqua potrebbe tornare nella caldaia troppo calda (perché non c'è scambio nei termosifoni) e danneggiare la caldaia. Penso che le caldaie migliori o moderne abbiano controlli per evitare danni in queste situazioni, ma non ci metterei la mano sul fuoco.

E complimenti per il blog. Zeppo di utili consigli.

Simo ha detto...

Marco non le ho ma ne ho sentito parlare un gran bene...e sinceramente credevo costassero di più...mi ci devo informare meglio!
Tu ti sei trovato bene? credi facciano risparmiare un pochino?

Marco ha detto...

Grazie Markogts e Sistrall per aver trovato il mio blog utile. E grazie sopratutto per i consigli che mi/ci avete dato. Sullo stesso piano dove ho installato le valevole ho lasciato un calorifero centrale senza valvola che utlizzerò nel modo in cui mi/ci avete consigliato.

Simo!!! Ho toppato a scrivere il prezzo! scusami!! non erano 15 ma 55 euro l'una compresa Iva e installazione! Scusami per l'errore, grazie per la segnalazione che ho subito corretto. L'ho appena installate, approfittando dei lavori per l'isolamento del solaio. Pertanto saprò dirti se mi son trovato bene di questi periodi l'anno prossimo.

LaGolosastra ha detto...

Molto interessante, diciamo che al momento (visto che comunque non vivo in una villa ad Arcore) mi arrangio a chiudere manualmente le valvole nelle stanze che sono più calde (es. la cucina) o per esempio in zona giorno quando stiro!

gturs ha detto...

Ciao marco, passo per un saluto veloce, buon fine settimana.
roberta

Marco ha detto...

grande golosastra. sei una valvola termostatica vivente! un beijo

robyyy! grazie per la visita! buon week end!

Ufic ha detto...

Io le ho trovate già messe nella mia nuova casetta appena costruita (senza che ne avessi parlato con la ditta costruttrice) :)
Però devo ancora "imparare" ad usarli coscientemente

Alfonso ha detto...

Ho installato su 4 caloriferi del mio appartamento altrettanti valvole termostatiche. Su un quinto è installata una manopola normale che apre e chiude manualmente.
Capita molto spesso, ora una valvola termostatica, ora un'altra, o più di una in contemporanea, che fanno un rumore, del tipo vibrazione o martellamento, a volte molto forte a volte di meno, e per eliminare tale rumore devo accorrere a muovere avanti o indietro la valvola. Con tale manovra elimino il rumore, che però quasi sempre ricomincia dopo poco. L'idraulico, interpellato, non mi ha saputo dare spiegazioni, anche perchè non è riuscito ad ascoltare il rumore che, come sopra detto, viene prodotto saltuariamente. Come posso eliminare tale inconveniente che si rende veramente fastidioso, specie se capita mentre qualcuno della famiglia dorme.
Ringrazio e porgo distinti saluti.
alfondodepatto@infinito.it

markogts ha detto...

@ Alfonso: la spiegazione più probabile è che si tratti di cavitazione.

Il problema è che le valvole termostatiche "a due vie" sono una soluzione buona, ma non ottima. Domanda semplice: cosa succede il giorno che la caldaia decide che fa freddo mentre i caloriferi decidono che fa caldo? Una si accende e gli altri chiudono. Prima di arrivare al blocco totale, si ha una situazione dove "tanta" acqua mandata dalla caldaia viene costretta a passare attraverso valvole "semichiuse". Il passaggio estremamente veloce e vorticoso causa "brutte cose" all'acqua, tra cui la formazione di bolle di vapore, che si richiudono subito dopo essersi formate, facendo un sacco di rumore.

La soluzione unica non esiste. L'idea di base comunuque è quella di limitare la portata d'acqua. Per fare ciò, consulta innanzitutto il manuale della caldaia (se hai un termoautonomo) per vedere se c'è la possibilità di regolare la valvola di "ricircolo" o "bypass": è una valvola che prende un po' di acqua a valle della pompa e la riporta a monte di essa, per limitare la pressione. A volte anche la pompa è regolabile.

Se invece questa operazione non basta o non è fattibile, bisogna costruire un bypass esterno, o installando valvole a TRE vie sui caloriferi o installando una valvola di sfioro all'uscita della caldaia.

Un pdf che spiega le stesse cose.

PS Un palliativo che potrebbe aiutare (non ci giurerei, ma tentare costa poco) è quello di abbassare la temperatura del circuito (sempre se si è con impianto termoautonomo). Abbassando la temperatura ad es. da 70 a 50°C dovrebbe rendere più difficile la cavitazione. Chiaramente, la velocità con la quale l'appartamento va in temperatura aumenta in proporzione. Attenzione che, se la caldaia NON è di tipo "a condensazione", non è consigliabile diminuire troppo la temperatura del fluido: consulta il manuale al riguardo.

PPS Controlla che il termostato della caldaia funzioni bene: non deve far partire la caldaia quando l'appartamento è già caldo. Se è messo in una stanza dotata di valvola termostatica, ebbene quella valvola termostatica di fatto controllerà (al contrario) tutta la casa: se aperta al massimo, farà spegnere la caldaia troppo presto, viceversa se invece è troppo chiusa. Se il termostato è messo in una stanza troppo fredda, facile che nelle stanze più calde scatti la cavitazione.

valerio ha detto...

ciao a tutti,
ho usato in un progetto di ristrutturazione le valvole termostatiche digitali wireless ed ho risolto moltissimi probblemi con una spesa minima.
Vi linco il sito da cui le ho prese, qualcuno le consoceva già?

http://www.ecodhome.com/

Masterfax ha detto...

Ciao Valerio,

Anchio avevo lo stesso problema e cercando in rete ho visto diverse soluzioni ed effettivamente sul sito che hai indicato ho trovato delle soluzioni molto interessanti. Ho già acquistato il termostato (quello piccolo) e due elettrovalvole per fare una prova nella camera da letto, l'ho installato in un attimo ed effettivamente da subito ho apprezzato le caratteristiche di confort e la cosa fantastica è che durante il giorno i caloriferi sono spenti e quando arrivo a casa alla sera trovo il "mio" clima! Adesso tengo sotto controllo la bolletta del gas ma sono già sicuro che, una volta applicato il sistema a tutta la casa sarà un bel risparmio!
Grazie Ecodhome!

doppioG ha detto...

Buongiorno...volevo sapere se è possibile far interagire un impianto con caldaia a policombustibile,puffer,solare e cronotermostato con le valvole termostatiche. Più chiaramente il mio dubbio è il seguente: come fare se le valvole sono chiuse e il cronotermostato segnala temp + bassa e viceversa?? Così facendo ci sarà un problema di funzionamento inutile della pompa impianto e non-funzionamento quando serve...